Il Giardino dei Giusti, la commemorazione della Giornata della Memoria a Foggia

giorno-della-memoria_genLucia Magaldi 4.2.17  Il giorno della memoria, il 27 gennaio 2017, nella suggestiva cornice del Teatro Giordano di Foggia si è tenuta una struggente cerimonia alla presenza del Prefetto, del Sindaco, dell’Arcivescovo, del Dirigente del Provveditorato agli Studi, rappresentanti dell’Università agli Studi e Autorità Militari: sono state conferite le medaglie d’onore del Presidente della Repubblica ai militari italiani internati nei lager tedeschi destinati alla repressione politica e sociale. Non si conosce appieno l’epopea  dei combattenti  del Regio Esercito sul fronte balcanico che, dopo l’otto settembre 43, aderirono alla Divisione Partigiana Garibaldi, la prima forma di Resistenza nata in Europa. Tra questi, il serg. magg. Pasqualino Magaldi insignito con medaglie d’oro, argento, croci di guerra e diploma di partigiano. La nuova onorificenza  della medaglia d’onore è stata consegnata alla figlia, dott.ssa Lucia Magaldi, dirigente scolastica, saggista, esperta in scienze sociali e ministra OFS, la quale ha testimoniato che suo padre ha abitato il Giardino dei Giusti essendo un uomo probo ed  un eroe silente della storia. Ha avuto la vita spaccata dalla guerra ma si è opposto ai totalitarismi e ai crimini sociali. Ha trasmesso i valori della ragione, della libertà, del sentimento e della pace in famiglia con la sua raffinatezza e cultura. Ha contribuito alla nascita della democrazia perché è sopravvissuto alla fame, freddo, violenze in condizioni disumane e ha detto NO all’arruolamento nell’esercito di Salò. Non è venuto mai meno ai suoi doveri nella consapevolezza che la Patria ha sempre la dignità  di Nazione. I governi italiani tacquero per molto tempo la storia dell’IMI perché non riaffiorassero le atrocità tedesche ma oggi viene tolto il velo scuro sulla memoria storica.

Lucia Magaldi

Ministra della Fraternità di Celenza Valfortore

.

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento