Fraternità “S. Chiara” in Putignano

.

FotoPutignanoLa città di Putignano (Bari) conta oltre 27.000 abitanti. Comunemente nota per l’antico Carnevale, le aziende manifatturie- re e le grotte carsiche. Attorno all’anno Mille il territorio entra nella proprietà dei Benedettini che risiedevano nell’Abbazia di S. Stefano in Monopoli. Federico II vi fa costruire un castello immediatamente fuori il centro abitato. Ai furori di Federico II si aggiungono le lotte del vescovo di Conversano per ottenere giurisdizione sul territorio: Putignano ha goduto, infatti, dello status di ecclesia nullius diocesis, ovvero non apparteneva a nessuna diocesi, sotto la diretta dipendenza della Santa Sede. Nel corso del Seicento si sviluppa notevolmente, divenendo importante centro agricolo, accumulando ricchezze e opere d’arte. Nel Settecento è vittima delle requisizioni di beni da parte dei francesi, che portano via campane, dipinti e arredi sacri. Molti putignanesi saranno tra i Mille di Garibaldi.

40345_chiesa_s_pietro_apostolo_putignanoLa Fraternità, intitolata a Santa Chiara, è nella Diocesi di Conversano-Monopoli e rientra nella Zona Ofs Quattro. L’erezione risale al 1883. Ha sede presso la parrocchia San Pietro Apostolo ed è assistita da don Giovanni Battista Romanazzi, mentre  Vice Assistente è fr. Gianni Mastromarino Ofm. Il Capitolo elettivo celebrato il 18 gennaio 2014 ha scelto, per il servizio fraterno: Raffaele Bruno Ministro, Angela Dalessandro Vice, Mariagrazia Serio, Valentina Lopriore, Angela Pinto, Valentina Genco e Claudia Calisi Consiglieri.

Contatta il Ministro: raffybruno68@gmail.com