Gli insegnamenti dell’Iman Safeddine Maaroufi nell’incontro di Manduria del 30 marzo scorso

Fraternità S. Francesco Manduria 02.4.19  WhatsApp Image 2019-03-31 at 09.53.57In occasione dell’Ottavo Centenario dell’incontro di Francesco d’Assisi con il Sultano d’Egitto, Melek-El-Kamel, avvenimento che tanto impressionò i contemporanei e, da secoli, segna la storia dell’Umanità, si è tenuto sabato 30 marzo 2019 nella chiesa del Convento San Francesco a Manduria, un incontro organizzato dai frati francescani che dimorano nell’omonimo convento e dalla locale fraternità Ofs S. Francesco. L’iniziativa, molto apprezzata, ha suscitato molto interesse a livello cittadino, diocesano con la presenza di qualche fraternità Ofs della zona. Presente anche il Vicario episcopale Mons. Franco De Padova e il Ministro Provinciale dei Frati Minori del Salento MRP Fra Alfonso Polimena.

L’incontro ha proposto il tema “L’OSPITALITÀ VIA AL DIALOGO” che è stato trattato da personalità di prestigio in una tavola rotonda moderata dal coordinatore nazionale dell’Ufficio “Giustizia, Pace e Integrità del Creato”, frate Francesco Zecca ofm.

Sono intervenuti il manduriano frate Oscar Mario Marzo ofm, che ha parlato di “Novità e attualità dell’evento”. Frate Oscar, attualmente a Roma presso la Congregazione per le Chiese Orientali, ha dimorato per anni nella Custodia di Terra Santa, nei Luoghi Santi. A lui si è unito il dottor Safeddine Maaroufi, Imam di Lecce, notoriamente impegnato nel dialogo interreligioso, che ha dato un’esposizione particolareggiata dell’ “Ospitalità nei testi islamici”.

Ecco di seguito un suo breve intervento sull’argomento:

Abbiamo ribadito l’importanza della conoscenza reciproca e dell’accettazione delle differenze, e dell’importanza di aggiornare il modo in cui presentiamo il diverso ai nostri giovani, contrastando i discorsi di odio e di estremismo plaudendo gli sforzi che stanno facendo i grandi leader religiosi di oggi, come Papa Francesco e il grande Imam del Azhar e non solo. Uno dei più straordinari gesti di pace nella storia del dialogo tra Islam e Cristianesimo, è rappresentato dall’incontro tra Francesco d’Assisi e il Sultano di Egitto Malik al Kamil.

Quello storico colloquio, avvenuto a Damietta, a pochi chilometri di distanza dal Cairo, è ancora oggi così significativo e attuale per le sue conseguenze nel dialogo interreligioso e per la pace mondiale, tanto da rimanere, pur a distanza di molti secoli, l’avvenimento esclusivo che indica la rotta da cui partire nella ricerca di intesa e armonia tra Oriente e Occidente. (Imam Saifeddine Maaroufi)

Durante la declamazione dei brani delle fonti francescane e dei testi islamici come sottofondo e intermezzi sono stati suonati brani musicali di Branduardi eseguiti da una musicista manduriana.

Al termine dell’incontro come ricordo è stata consegnata un’immaginetta contenente sul retro la preghiera, sotto riportata, dell’incontro svoltosi il 4 febbraio 2019 ad Abu Dhabi tra Sua Santità Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb:

“Noi – credenti in Dio, nell’incontro finale con Lui e nel suo giudizio – , partendo dalla nostra responsabilità religiosa e morale, chiediamo a noi stessi e ai Leader del mondo, agli artefici della politica internazionale e dell’economia mondiale, di impegnarsi seriamente per diffondere la cultura della tolleranza, della convivenza e della pace”.

Fraternità S. Francesco Manduria

.

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento